Vi racconto la solidarietà  del nostro Stato…agli amici


Negli appalti di opere o servizi il comittente è  obbligato in solido con l’appaltatore ,come previsto dal d.l.g.s 276 del 2003, per le retribuzioni spettanti ai dipendenti dell’appaltatore stesso e relativi contributi previdenziali. Questo vale solo per gli appalti privati ma NON per gli appalti pubblici. Esempio se una azienda esternalizza una attività  ad una cooperativa e la stessa non paga le retribuzioni ed i contributi l’aziende deve,giustamente,  pagare come obbligato in solido. Se un ente pubblico,o pubblica amministrazione esternalizza un lavoro,sia esso servizio o opera ,non hanno l’obbligo di rispondere in solido. Questo significa che se l’azienda, o la cooperativa ,non dovesse pagare le retribuzioni e/o i contributi dei dipendenti che hanno lavorato per l’ente pubblico,questi  non avranno la solidarietà  dello Stato per quanto loro spettante. Vediamo a cosa può  portare una simile norma. Se un ente appaltante ,pubblico, da a una azienda del lavoro e poi non la paga questa potrebbe portare l’azienda  a non pagare i contributi e/o gli stipendi oppure a prendere appalti  premeditando di non versare questi al fine di fare profitti e poi fallire lasciando i lavoratori abbandonati anche dallo Stato. Gli amici degli amici di questi affari sono degli specialisti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...